"G I U S T I Z I A""


Il quadro è stato eseguito soprattutto in due colori, verde e blu. Il verde per esprimere la speranza. La speranza per la giustizia non finisce mai, perché tutte le persone cercano la giustizia. Anche se le stesse, durante l'arco della vita, subiscono tanta ingiustizia, non si arrenderanno mai di cercarla. Il blu è stato scelto per raffigurare tutti i principi, come onestà, fedeltà ecc. Questo perché tramite tali virtù si cerca la giustizia su questo mondo. Al centro del quadro ho dipinto la statua della giustizia e vicino alla clessidra ho messo un po' di luce per significare che ogni tanto vi è un po' di giustizia. Questa piccola luce doveva anche dimostrare che la speranza per la giustizia non muore mai, perché se anche tante volte, tardi, arriva la giustizia. Sullo sfondo della statua ho cercato di creare un cielo sereno ed uno in tempesta, per rappresentare il margine minimo che passa tra giustizia ed ingiustizia.



Commento delle raffigurazioni più importanti del quadro.



Il quadro viene dominato dalla statua che è stata eseguita imperfetta e non come una statua greca perfetta ma in colori oscuri in modo tale da apparire abbandonata, tralasciata, come un oggetto vecchio che non serve più.



Il viso è stato eseguito con linee marcate e non con linee dolci o perfette proprio per dimostrare che la giustizia non è un oggetto bello, ma che tante volte viene raggiunta dopo enormi sacrifici.



La clessidra nella mano della statua è stata dipinta apposta in squilibrio per dimostrare che tutti hanno un senso diverso della giustizia e che non tutti sono uguali davanti ad essa. Nella mano destra tiene la spada insanguinata per ricordare che gli uomini tante volte vogliono farsi giustizia col sangue e la vendetta.



La giustizia viene circondata da una grande catena che non finisce nelle mani dei giudici dipinti sulla parte sinistra. Con questo intendo dire che la giustizia viene fatta dagli uomini e per questo motivo tante volte non si può manifestare come vorrebbe.



Sulla parte inferiore destra della statua ho dipinto il teschio umano per significare, che la morte a volte sia l'unica giustizia su questa terra. I giudici che si consultano sulla parte sinistra del quadro sono stati dipinti piccoli e con poco tono per rappresentare che gli stessi sono solo uno strumento per arrivare alla giustizia.



Il pianeta terra è stato dipinto apposta sullo sfondo, in lontananza dalla statua, perché secondo me, la giustizia è qualcosa di astratto, qualcosa che non esiste sulla terra, qualcosa che vaga nell'universo, qualcosa d'irraggiungibile.



Sulla parte destra del quadro ho dipinto l'ombra della statua in linee chiare che cade sulla clessidra. Con questo ho inteso raffigurare che dopo un lungo periodo di tempo, spesso, la giustizia ci sembra più compressibile ed anche per significare che per avere giustizia qualche volta passa tanto tempo.



Ho dipinto la clessidra per dimostrare che durante la vita di un uomo succedono tante giustizie e tante ingiustizie e che il tempo ci dovrebbe portare consigli e consolazione. La clessidra deve anche un può irritare l'osservatore, perché prima volevo dipingere la statua quasi perfetta, come una dea greca, qualcosa di superlativo, ma per me è solo un'illusione, già un illusione che non si dovrebbe mai dimenticare, un'illusione che si non dovrebbe mai perdere. All'inizio volevo dipingere la giustizia come un'ombra, visto che non esiste, ma penso che tutti noi siamo desiderosi di maggiore giustizia e che noi uomini abbiamo bisogno di credere in qualcosa di Grande. Qualche volta solo un sogno o un'illusione possono fare miracoli. Qualche volta nella gente un'illusione può portare di più di qualcosa che si può toccare con i nostri sensi. Qualche volta solo un pensiero può portare più che mille concreti stimoli.



Sulla parte inferiore destra ho dipinto la gazza ladra. Tempo fa non sapevo come dipingere il fatto che noi uomini su questa terra cerchiamo solo di accumulare più soldi e tesori, che ogni altra cosa, proprio come la gazza ladra che raccoglie gli oggetti perché viene attirata dalla brillantezza. Cioè dimentichiamo i veri valori della vita, valori e principi, valori che non riusciamo più a sentire, perché non ci prendiamo un po' di tempo per pensare al senso della nostra vita. La gazza deposita il gioiello nell'occhio del teschio. Ciò significa che tutto finisce con la morte, e nessuno, ricco o povero che sia, può portarsi qualcosa all' altro mondo.



Ho dipinto la toga ai piedi della statua per sottolineare che la giustizia a noi nota viene fatta solo dagli uomini mentre quella vera è qualcosa di più grande, qualcosa che noi qualche volta non capiamo, ma alla quale non dobbiamo mai smettere di credere perché un giorno potrà essere raggiunta.



So che le mie pennellate non possono rappresentare la giustizia, ma ho cercato con il mio quadro, presentando delle raffigurazioni di oggetti, di invitare l'osservatore a dedicare un po' di tempo alla giustizia. Se sono riuscito in questo sicuramente l'osservatore troverà qualche elemento, nel quadro, che riconosce e che gli farà comprende la giustizia.



Ogni volta che guardo la tela, mi sento un po' più contento, perché sono riuscito a fare un quadro di un soggetto che pensavo che non esistesse, e sono soddisfatto per essere riuscito a dipingere qualcosa che nella mia vita mi ha posto tante domande.



Helmut